Tutti pazzi per la barba. Avrete infatti notato, che molti uomini si stanno facendo crescere la barba, un vezzo fino a qualche tempo fa da intellettuale trendy chic, adesso una vera tendenza per tutti gli uomini. Ma non basta allungare la barba per essere alla moda, è l’attitudine a portarla quello che conta, e lo conferma un volume molto molto interessante, Barber Couture.

La moda della barba

Barber Shop

Bullfrog Barber Shop. Modern Electric Barber nel quartiere isola Milano

Posso metterci la mano su fuoco che la barba è ritornata di moda, perché anche mio marito – da sempre refrattario a tutte le tendenze –  si è fatto crescere la barba e mi parla dei piaceri di andare dal barbiere, come gli uomini di un tempo; del gusto di farsi tagliare la barba con gli strumenti di una volta e degli impacchi con gli asciugamani caldi sul viso.

Il barber shop

Barber Couture

Rudy’s Barbershop a Seattle

Da donna mi affascina moltissimo “il barbiere” inteso nel senso più classico del termine o il “barber shop”, il barbiere moderno, un luogo cool in cui gli uomini stabiliscono il loro look.
Abituati come siamo allo stile minimal, è un piacere riscoprire questi luoghi pieni di fascino, perché non sono semplici saloni di bellezza ma luoghi dedicati ai maschi, in cui si celebra il rude fascino di barba e capelli.

Barber Couture

Barber Couture

La copertina di Barber Couture, pubblicato da 24Ore Cultura

La barba dunque è tornata di moda, ma qual è il look dell’uomo moderno? Basta sfogliare un libro molto originale: Barber Couture – a cura di Giulia Pivetta con illustrazioni di Matteo Guarnaccia–  un insolito e curioso volume che analizza le diverse tipologie di acconciature maschili fiorite tra gli anni Quaranta e Sessanta e oggi riproposte dalla moda con grande successo.

Barber Couture

Il taglio liscio

Autentico omaggio alla cultura hipster, il volume ripercorre il cambio di atteggiamento maschile nei confronti della sala da barba attraverso i diversi tagli di capelli diffusisi intorno alla metà del Novecento e ripresi dagli uomini del XXI secolo: giovani e meno giovani, viaggiatori, benestanti, poco preoccupati, professionalmente realizzati, edonisti, vanitosi, sessualmente liberi e sempre più attenti alla cura della persona e ai tagli di capelli.

Barber Couture

Total look italiano

Dalle acconciature strutturate, come il celebre Mop-Top sfoggiato dai Beatles, all’acconciatura elegante del latin-lover italiano, fino al look ribelle di Zooties, Teddyboys, Hipster e Rockabilly, Barber Couture propone una dettagliata analisi dei diversi stili di taglio accompagnata da una grafica ricercata, illustrazioni e foto d’epoca.

Barber Couture

Total look Hipster

Le schede sui singoli tagli di capelli sono inoltre affiancate da focus di approfondimento su eventi storici del periodo in cui il taglio è nato e sui personaggi-simbolo del cinema e della musica che ne hanno “vestito” lo stile: da Marlon Brando a Marcello Mastroianni, da Elvis Presley a David Bowie.

Barber Couture

Total look Crew Cut

Completa il volume una sezione dedicata alla sala da barba con riferimenti storici e contemporanei nel mondo.

Giulia Pivetta – un’esperta in design della moda e del tessuto – è curatrice e ricercatrice di settore. Matteo Guarnaccia – artista, illustratore e storico del costume – è autore di saggi storico-culturali sulle avanguardie e i movimenti creativi.

Barber Couture

Rudy’s Barber Shop a Seattle

Info

BARBER COUTURE: TAGLI, STILI E ACCESSORI 1940-1960
Per i rocker, i latin lover e gli hipster di ogni epoca
24 ORE Cultura
24,90 €

La scelta delle Amiche di Smalto

Adesso io non so che tipo di look suggerirò a mio marito ma di certo gli chiederò di accompagnarlo dal suo barbiere, a quanto pare uno dei luoghi più di tendenza del momento.

Virna Lisi

La bellissima Virna Lisi

 

 

1 commento

Cosa ne pensi?