Le chiamano repliche, a volte dicono che sono scarti di fabbrica, altre volte che vengono da “mercati paralleli”.
I prodotti fake e le borse contraffatte si trovano ovunque. Ecco perché non acquistarli.

Sarà capitato anche a voi di imbattervi online, su instagram o da alcuni venditori, in meravigliose borse griffate ad un prezzo “incredibile” , magari proprio quella che desiderate da tempo!
Di certo non è l’affare del secolo ma solo una borsa fake.

Certo la tentazione viene, perché a volte sono borse talmente perfette che è difficile distinguerle da quelle originali e poi chi mai andrà a guardare all’interno della borsa i dettagli o le etichette di originalità!

Il mercato della contraffazione in Europa

Sul web c’è il mondo della contraffazione, per non parlare dei social in particolare di Instagram, dove tanti prodotti, dai case degli smarthphone, alle scarpe fino alle borse, a volte sono anche pubblicizzati con contenuti sponsorizzati.
E poi ci sono i “venditori fidati” con una clientela selezionata.
Parliamo del mercato estivo delle “borse replicate” in Sardegna e a Forte dei Marmi dove i prezzi delle borse firmate (da quelle di Dior a Hermes fino a Chanel e Louis Vuitton) partono dai 600 euro. Un prezzo che fa anche venire il dubbio siano originali! Modello copiato perfettamente, qualche rifinitura interna non proprio precisa ma prezzo uguale a un decimo o del prodotto originale.

Foto di borsa Gucci contraffatta

Secondo il rapporto l’Euipo, l’ufficio dell’Unione Europea per la proprietà intellettuale, nel suo ultimo report realizzato in collaborazione con l’Ocse, i Paesi più colpiti dal fenomeno della contraffazione sono gli Usa, la Francia e l’Italia. A livello mondiale il mercato del falso vale 460 miliardi di euro e c’è un vero allarme moda in Italia. Nonostante le norme messe in campo per contrastarlo, si è rinvigorito negli ultimi anni: basti pensare che nel 2016 valeva 338 miliardi. Oggi con i suoi 10 miliardi e 500 milioni di perdite a causa della contraffazione, l’Italia rappresenta il 19% del danno economico dell’intera Ue.

Simile non è mai uguale

Ci sono le borse contraffatte esplicitamente, quindi con logo ben in vista del brand, fino alla repliche, vale a dire copie del modello originale ma privo del marchio.

La borsa Chain Pouch di Bottega Veneta ad esempio, è una delle borse più replicate del momento. Valore della borsa più di 2.500 euro, ma online si possono trovare “borse simili” a circa 75 dollari.

Foto di borsa originale Chain Pouch di Bottega Veneta
Borsa originale Chain Pouch di Bottega Veneta
Foto di borsa contraffatta Chain Pouch
Replica Borsa Chain Pouch

Il modello è simile, ma non facciamoci illusioni che siano veramente uguali perché parliamo del pellame di Bottega Veneta, ore di lavorazioni, materiali come la catena, che sono davvero difficili da replicare!

Le borse contraffatte non regalano emozioni!

E allora veniamo al punto, perché non acquistare una borsa contraffatta. Comincio da un motivo forse banale, ma per le amanti della moda il più importante: le borse fake non regalano emozioni!

Acquistare una borsa firmata è una conquista. Può essere un regalo importante ed emozionante, un acquisto che segna la realizzazione di un desiderio personale, una gratificazione.
Ciò che acquistiamo non è una borsa ma un oggetto di lusso, la creatività e il savoir – faire di un brand, l’abilità di artigiani nel realizzarla, l’espressione del Made in Italy. È per questo che alcune borse diventano uno status symbol.

C’è poi l’esperienza in boutique, l’assistenza post vendita, il sentirsi parte di un mondo esclusivo e il piacere di indossare una creazione unica.
Sono tutti questi elementi che rendono una borsa speciale e ci portano ad indossarla con orgoglio e felicità al nostro braccio.

Questa emozione, se volete molto futile, nessuna borsa fake potrà mai “replicarla” e che figura se qualcuna ha l’occhio lungo ed esperto.

Poi ci sono altri motivi ancora più importanti:

  • Danni alla salute: non sappiamo i materiali, i collanti e gli agenti chimici utilizzati per le borse contraffatte.
  • Qualità/prezzo: la qualità di un prodotto contraffatto non corrisponderà mai al prezzo pagato dal consumatore, per la mancanza di garanzie di qualità, di assenza di difetti e di garanzie post-vendita.
  • Danni all’occupazione: contraffazione ed abusivismo contribuiscono allo sfruttamento della manodopera clandestina, del lavoro sommerso.
  • Danni alle industrie: vengono danneggiati gli imprenditori che pagano le tasse, coloro che producono nel rispetto delle normative ed investono in ricerca, sviluppo, innovazione ed immagine.
  • Danni sociali: nell’industria del falso e nella vendita abusiva di prodotti “taroccati”, vi è una totale mancanza di sicurezza dei luoghi di lavoro, assenza di tutele sanitarie e previdenziali.
  • Danni morali: chi compra merce contraffatta è complice di vari reati come il lavoro nero, sfruttamento minorile, clandestinità, furto di brevetti.
  • Criminalità: contraffazione ed abusivismo alimentano la malavita ed arricchiscono la criminalità organizzata.
  • Danni allo Stato (e quindi a tutti noi): l’industria del falso riesce ad evadere l’IVA e a sottrarsi alla normale tassazione.
  • Sanzioni: acquistare prodotti falsi comporta una sanzione per l’acquirente finale cha va da € 100 a € 7.000.

E allora qualsiasi sia il budget per una borsa, meglio acquistarne una originale, magari di un brand poco conosciuto ma originale nel design, il web è piano anche di queste proposte.
Oppure fare il salvadanaio e acquistare finalmente la borsa dei sogni !

Leggi anche:
La psicologia delle borse, perché ne siamo ossessionate

Le IT Bag del 2020

Summary
Perché non lasciarsi tentare dalle borse contraffatte
Article Name
Perché non lasciarsi tentare dalle borse contraffatte
Description
Capita di lasciarsi tentare dall'acquisto di borse contraffatte. Il web e i social ne sono pieni ma ci sono tanti validi motivi per non farlo mai.
Author
Publisher Name
Amiche Di Smalto

Cosa ne pensi?