Il mondo delle donne si divide in: coloro che amano l’attività di running e si svegliano all’alba, oppure quelle che letteralmente odiano la corsa…tipo me!  Eppure tutte sappiamo i benefici del running, che fa lavorare tutto il corpo e soprattutto libera la mente.

Una via di mezzo e per certi aspetti molto più efficace della corsa, è la camminata veloce che consigliano molti nutrizionisti a chi deve dimagrire. Naturalmente anche per questo tipo di attività c’è chi lo fa come un vero e proprio sport tutti i giorni, oppure chi si ritaglia 1 giorno a settimana per trascorre le prime ore della mattina piacevolmente e nella speranza di dimagrire…sempre tipo me!

Allora mi sono informata un po’ di più ed ecco come dimagrire camminando e i vantaggi della camminata veloce.  

Camminata veloce: una questione di ritmo

Foto di una ragazza che fa la camminata veloce

Il giusto ritmo della camminata veloce

Camminare è considerato veloce quando si cammina ad una velocità di circa 1,5-2 km per un quarto d’ora o 6-8 km all’ora. A questa velocità diventa uno sport.
Se è ancora più veloce – fino a 15 km / h diventa una vera e propria disciplina atletica, ma i movimenti non sono naturali e c’è tutto uno studio sui movimenti precisi da fare.

I benefici della camminata veloce

Il grande vantaggio della camminata veloce rispetto alla corsa, è che il corpo non soffre l’impatto del piede al suolo, così le articolazioni sono protette dalle vibrazioni.
Camminare è un complesso di attività fisica che migliora la resistenza e la salute e a seconda della velocità, lavora più o meno tutto il corpo. Più si cammina veloce con ritmo più si mettono in movimento i muscoli, con benefici cardiovascolari, respiratori e sulle articolazioni.
La camminata veloce stimola la circolazione sanguigna, rafforza il muscolo cardiaco ed è un ottimo esercizio per i polmoni.

Dimagrire camminando

Come ogni sport, la camminata veloce rafforza i muscoli e aiuta a bruciare le calorie. Camminando tutti i giorni o facendo una camminata veloce si dimagrisce! Parola di esperti e dietologi.
Ad una velocità di 6-8 km all’ora si possono bruciare 250 calorie. La cosa importante è farlo regolarmente, più volte alla settimana, estendendo gradualmente il tempo al fine di mantenere il peso ottimale.

Anche a livello muscolare si migliora decisamente la tonicità di gambe e glutei.
Nelle mie sessioni a Villa Ada inoltre, ho visto persone che utilizzano i bastoni tipici della camminata nordica (per intenderci tipo le racchette degli sci) e ho scoperto che servono per attivare la parte superiore del corpo.
Più massa muscolare – più calorie bruciate!

Regole di base per la camminata veloce

Foto di una ragazza che corre con il cane

Scopriamo quali sono le regole di base per la camminata veloce

Lo sapete, come per tutte le cose basta cominciare e si ha sempre voglia di migliorare, per cui se volete diventare delle professioniste, ecco le regole base per una efficace camminata veloce.

  • Buona postura

La schiena deve essere dritta, pettorali stretti, spalle un po’ rilassate e soprattutto alzate la testa e guardate lontano!
Le braccia che bilanciano la posizione del corpo, si muovono fino a 90 gradi rispetto alla linea del tronco, i pugni sono serrati, ma senza tensione.

  • Fare piccoli passi

I passi troppo grandi fermano lo slancio e per aumentare la velocità, si dovrebbero fare passi più piccoli ma veloci.

  • Il passo giusto

Si cammina poggiando prima il tallone e poi gradualmente tutto il piede fino alle dita.

  • Respirare!

Inspirazione ed espirazione dovrebbe essere profondi e ritmici.

  • Scarpe comode

E qui finalmente una cosa piacevole! perché bisogna investire in scarpe comode e stabili. L’ideale sono quelle con i cuscinetti in gel o comunque un modello con un supporto per il piede e la caviglia, in modo da ammorbidire il passo senza provocare l’effetto molla.

Sapete quale potrebbe essere un buon inizio per la vostra attività fisica? Camminando con le amiche (ma senza chiacchierare troppo).

 

2 commenti

  1. Pingback: Amiche di Smalto Running: una mattinata tra sport e divertimento

  2. Pingback: Abbigliamento running e accessori: l'essenziale per cominciare

Cosa ne pensi?