Cos’è la blefaroplastica non chirurgica? Come possiamo rimodellare la palpebra cadente senza sottoporci ad un’operazione troppo invasiva? Nelle prossime righe andremo a vedere insieme in cosa consiste una blefaroplastica non chirurgica e come può farci ottenere uno sguardo più giovane.

Con il passare degli anni la palpebra può cedere diventando un vero e proprio difetto estetico. Un dettaglio che rende lo sguardo spento, sempre stanco e che potrebbe creare carenza di autostima nella persona. Per poter contrastare questa problematica è possibile ricorrere alla blefaroplastica non chirurgica per correggere i cedimenti o le lievi pliche palpebrali.

Ma in cosa consiste esattamente? Perché viene denominata in questo modo?

La blefaroplastica non chirurgica è una tecnica nuova che consente di incidere la pelle senza modificare il muscolo. Capiamo insieme quali sono le metodologie utilizzate per ottenere un risultato ottimale grazie a questo metodo….

Blefaroplastica non chirurgica: cos’è e come funziona

Foto di palpebra cadente

Come anticipato, oltre alla tradizionale tecnica, esistono diverse strumentazioni che danno la possibilità di ottenere ottimi risultati senza la chirurgia. In questo modo, si andranno a correggere la caduta della pelle in eccesso, le borse sotto gli occhi e le linee di espressione.

Tra le diverse tecniche che possono essere utilizzate troviamo:

  • Laser;
  • Acido ialuronico;
  • Plexr;
  • Trattamenti di medicina estetica.

Con queste metodologie possiamo andare a migliorare la parte superiore come ad esempio:

  • Pelle in eccesso;
  • Palpebra cadente.

Oppure la parte inferiore come ad esempio:

  • Occhiaie;
  • Borse sotto gli occhi.

Ma quale tecnica tra quelle appena accennate è la più idonea per rimodellare non chirurgicamente la palpebra cadente?

Plexr e Felc: blefaroplastica senza bisturi

Tra le tecniche più famose ed utilizzate per migliorare l’aspetto della palpebra cadente troviamo sicuramente strumenti tecnologici come:

  • Plexr:
  • Felc.

Entrambi sono utilizzati per accorciare la pelle e riportarla al suo stato naturale. Si tratta di una tipologia di trattamento che non è assolutamente invasivo e, per questo motivo, non richiedere un’anestesia.

Prendendo ad esempio un trattamento effettuato con Plexr è necessario effettuare almeno 3 o 4 sedute a distanza di un mese l’una dall’altra. Come anticipato, non è necessaria l’anestesia ma basterà applicare una pomata anestetica per ridurre al minimo ogni fastidio. Questo strumento servirà a far retrocedere la pelle accorciandola e tendendola il più possibile.

I vantaggi della blefaroplastica senza bisturi

Foto di blefaroplastica non chirurgica

Quali sono, quindi, tutti i vantaggi della blefaroplastica non chirurgica? Vediamoli insieme nello specifico:

  • Non lascia cicatrici;
  • Non provoca sanguinamento;
  • Non richiede alcun tipo di incisione;
  • Non richiede l’anestesia;
  • È meno invasiva;
  • Il recupero è veloce.

Blefaroplastica non chirurgica: altre tecniche non invasive

Oltre alle tecniche appena menzionate esistono altri metodi non invasivi in grado di migliorare l’aspetto di palpebre e occhiaie.

Tra i più gettonati troviamo:

  • Acido ialuronico: il filler è molto utile per eliminare le occhiaie e colmare i solchi nel contorno occhi. Si tratta di una tecnica veloce e sicura che si svolge in ambulatorio.
  • Peeling chimico: si applica sulle palpebre inferiori e serve a ringiovanire la pelle.
  • Botox: la tossina botulinica aiuta a distendere le piccole rughe d’espressione perché agisce sulla tensione dei muscoli.
  • Blefaroplastica laser: il laser ha l’obiettivo di stimolare il ringiovanimento della pelle. Dona immediata tonicità alle palpebre e il numero di sedute varia in base al paziente e all’esigenza specifica.
  • Blefaroplastica con fili di tensione: i fili di trazione sono riassorbibili e vengono applicati nella zona del sopracciglio per sollevare la palpebra.

Blefaroplastica non chirurgica: a chi è consigliata

A chi è consigliata la blefaroplastica non chirurgica?

Questo tipo di trattamento è solitamente consigliato a tutte le persone che cercano un aspetto più fresco. Grazie a queste nuove tecniche (meno invasive) è possibile ottenere uno sguardo più giovane e tonico. La zona dell’occhio andrà a migliorare notevolmente donando un aspetto più riposato a tutto il volto.

Le motivazioni e cause di questi inestetismi possono derivare da diversi fattori come ad esempio:

  • Alimentazione;
  • Poca idratazione;
  • Mancanza di riposo;
  • Invecchiamento.

I trattamenti di blefaroplastica non chirurgica sono un’ottima soluzione per chi non desidera optare per un intervento chirurgico più invasivo. Una vera e propria ventata di freschezza per sentirsi più belle e curate nonostante la vita frenetica!

Blefaroplastica non chirurgica Prezzo

Come tutti i trattamenti estetici si ha sempre paura di affrontare spese folli ma la blefaroplastica non chirurgica, oltre ad avere il vantaggio di non avere l’utilizzo del bisturi, ha anche quello di un costo più contenuto rispetto alla tradizionale blefaroplastica.
Molto dipende dal trattamento e dalla problematica ma in linea generale ad esempio, per la rimozione della palpebra cadete in eccesso con il laser, il prezzo si aggira attorno i 500€.

Leggi anche:

I fili di sospensione per il viso
: cosa sono e come si applicano

Le nuove frontiere della chirurgia estetica

Cosa ne pensi?